Perchè il tuo Google Ads non rende? ecco qualche risposta

GoogleAds-problemi

Google lavora costantemente per aggiornare i propri algoritmi per offrire agli utenti di Google Ads un’esperienza migliore.
Negli ultimi anni ha incorporato sempre nuovi strumenti di automazione, sfruttato l’apprendimento automatico e la potenza dei big data per continuare ad apportare continui miglioramenti.
Con tutti questi progressi tecnici potrebbe sembrare quasi automatico che gli utenti possano avere un ottimo rendimento dalle campagne.
Sfortunatamente, non è così! anzi molti utenti di Google Ads fanno fatica a ottenere una redditività ragionevole dal loro account.

In questo articolo esamineremo più da vicino in che modo le modifiche incidono sul rendimento di Google Ads e quali misure è possibile adottare per affrontare queste nuove sfide e migliorare il posizionamento dei motori di ricerca e la visibilità online.

Se non stai ottenendo i risultati sperati dalle tue campagne Google Ads, leggi l’articolo con attenzione, potresti scoprire cos’è che non sta andando come dovrebbe!

Negli ultimi la concorrenza sui motori di ricerca è aumentata esponenzialmente; fino a pochi anni fa assicurarsi la prima pagina su Google oppure gestire il proprio account Adwords con profitto non era difficile, ora le cose sono diventate decisamente più complicate.

La tecnologia ha reso più semplice e più conveniente la creazione di siti Web, e sempre più aziende e negozi sono entrati su Internet, riconoscendo l’importanza del SEO e della piattaforma Google Ads.
La concorrenza è quindi aumentata sempre di più in parallelo all’evoluzione della la piattaforma che è diventata sempre più sofisticata, quindi è diventato sempre più difficile gestire gli account e procurarsi del traffico a pagamento.

Paradossalmente le nuove potenti funzionalità e gli strumenti di ottimizzazione e automazione rendono effettivamente più facile perdere denaro per chi non è specializzato in Google Ads (qui trovi alcuni consigli per iniziare a utilizzarlo con profitto).
Gli strumenti che sembrano semplificare il network pubblicitario e ridurre il carico di lavoro sui gestori degli account, in realtà trasferiscono il controllo a Google.
Maggiore è il controllo che si lascia alla piattafoma, maggiore è il rischio che si possa spendere velocemente il budget pubblicitario senza raggiungere gli obiettivi di performance.

Ecco alcuni dei modi in cui Google si comporta in automatico se gli cedi il controllo dell’account, e non sempre sono convenienti per te.

Se si spende fino a 2 volte il budget giornaliero

Se hai impostato un limite di spesa giornaliero, Google ha il potere di superare tale limite del doppio dell’importo. Ad esempio, se hai impostato un limite giornaliero di 20 euro, Google può effettivamente spenderne fino a 40.
Questa funzione è stata progettata per massimizzare il ROI spendendo di più nei giorni ad alto traffico: il programma prenderà fondi dai giorni di traffico più basso, come il fine settimana, e ridistribuirà questi fondi in modo che possano essere spesi in modo più intelligente.

Tieni presente che mentre potresti finire per pagare di più in determinati giorni, il budget mensile rimarrà lo stesso.
Google prende il tuo budget giornaliero, lo moltiplica per il numero di giorni del mese e quindi spende i soldi come meglio crede.
Nel tempo, finirai per pagare lo stesso importo, ma potresti notare maggiori spese in determinati giorni.

Ma il fatto più importante, è che hai “perso” il controllo del tuo account e Google sta prendendo decisioni di spesa per te.
Questi schemi di spesa potrebbero non essere la scelta giusta per la tua azienda, ma se non stai controllando manualmente il tuo account e monitorando costantemente la spesa e il rendimento, non ci sarà modo di sapere se questi cambiamenti ti stanno avvantaggiando o meno.

L’eliminazione della funzione di corrispondenza esatta

All’inizio Google Ads offriva agli utenti diverse opzioni per diversi modi di utilizzare le parole chiave. La funzione “Corrispondenza esatta” indicava che l’annuncio di un inserzionista veniva visualizzato solo se l’utente cercava quelle parole chiave esatte,
quindi forniva al gestore dell’account un livello ottimale di controllo.

Gli inserzionisti potrebbero evitare di apparire in determinate ricerche utilizzando le keyword negative, o anche concentrarsi su usi singolari e plurali di parole chiave e pubblicare annunci solo per gli utenti che cercano parole chiave in un determinato ordine.
Specificando importi di offerta diversi per una gamma di varianti potrebbero controllare realmente il modo in cui il budget è stato speso.

Ma successivamente Google ha deciso di includere plurali ed errori ortografici nei risultati esatti delle ricerche, e nel 2017 ha fatto in modo che la corrispondenza esatta includa diversi ordini di parole, variazioni simili e abbreviazioni.
L’ultimo aggiornamento ha introdotto una funzione che consente ancora più variazioni oltre la corrispondenza esatta originale.

Questi cambiamenti costringono gli inserzionisti a cercare molte più query e a spendere di più in marketing per risultati dei motori di ricerca di cui potrebbero non essere interessati.
Gli inserzionisti non hanno più lo stesso potere di prima per ottimizzare e indirizzare parole chiave specifiche in base alle proprie strategie.
Ad esempio anni fa la funzione Exact Match consentiva di ottimizzare la parola chiave “cibo per gatti”, in questo modo il tuo annuncio era visualizzato solo quando utente aveva cercato l’esatta frase “cibo per gatti”, semplificando il collegamento diretto con il tuo pubblico ideale.

Ora lo stesso annuncio verrà visualizzato in ricerche molto più ampie. Google afferma: “Mostreremo il tuo annuncio quando qualcuno cerca la tua parola chiave o varianti della tua parola chiave.
Le varianti simili possono includere ad esempio:

· Errori ortografici
· Forme singolari o plurali
· Abbreviazioni
· Accenti
· Parole con lo stesso significato

Espandendo i parametri della ricerca esatta, Google sta essenzialmente prendendo decisioni di ottimizzazione per l’inserzionista.
Google sostiene che questo approccio è stato progettato per aiutare gli inserzionisti, ma alla fine aumenta solo la concorrenza in un mercato già affollato, aumentando al contempo il costo per clic.
Un minore controllo per gli inserzionisti potrebbe tradursi indirettamente in maggiori profitti per Google.

L’introduzione dell’offerta automatica

L’offerta automatica è un modo in cui Google Ads ti fa sì risparmiare tempo, ma significa anche che la supervisione e il monitoraggio del tuo account sono “limitati”.
Quando il tuo account funziona con il pilota automatico, potresti non sfruttare tutte le opportunità.

L’offerta automatica ha lo scopo di aiutarti a stabilire gli obiettivi della campagna e creare strategie di offerta. Utilizzando l’apprendimento automatico, Google analizza i dati sul rendimento di determinate parole chiave e frasi e fa offerte che ritengono possano aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi.
Tuttavia, questi strumenti non sempre tengono in conto tutti i fattori che possono influenzare il comportamento degli utenti.
Inoltre, se lavori con un budget di marketing limitato, le offerte automatiche possono farti pagare di più in quanto aumentano le offerte per raggiungere gli obiettivi.

Per questi motivi è preferibile affidarsi a un’agenzia specializzata per il monitoraggio dell’account.

[maxbutton id=”2″]

I mercati possono cambiare rapidamente ed è necessario rimanere agili e rispondere in modo appropriato. Con l’offerta automatica, è fin troppo facile configurare il tuo account e dimenticartene.
In poco tempo potresti finire per spendere un sacco di soldi in strategie che potrebbero aver funzionato una volta, ma che poi potrebbero diventare in fretta superate.
Mentre le offerte manuali possono richiedere più tempo, ti offranno sicuramente un ROI migliore.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now ButtonCHIAMA ORA